Esteri|

Situazione Afghanistan

La situazione in Afghanistan continua a preoccupare tutto il mondo. I nodi irrisolti sono molti e la condotta dei Talebani al governo, dopo le iniziali aperture, non lascia presagire nulla di facile per chi sarà chiamato a garantire pace e sicurezza per tutti.

Stamattina alla Camera, in commissione Esteri, abbiamo ascoltato il Segretario Generale del ministero degli Affari Esteri, ambasciatore Ettore Francesco Sequi, e ci siamo interrogati sui modi più efficaci di intervenire in un territorio segnato da vent’anni di guerra. È assolutamente necessario, io credo, che l’Europa parli con una voce unica e forte e che sia molto chiaro lo schieramento delle forze in campo. Stati Uniti, Cina, Russia sono molto attivi nell’area e anche l’Europa, compatta, deve esprimere una posizione chiara, rispettando il proprio impegno a una politica estera comune. In questo l’Italia può svolgere un ruolo primario: già durante il governo Conte abbiamo dimostrato che possiamo davvero fare l differenza su tutti i tavoli europei e, da lì, influenzare positivamente la politica del continente. Auspico quindi che il nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio M5S, con il pieno sostegno del premier Draghi, continui a portare avanti quella politica europea e internazionale che ha già dato i suoi frutti con i fondi del Next Generation UE, miliardi di Euro che hanno permesso l’attuazione del PNRR. L’Italia è un grande paese, con una millenaria tradizione di dialogo e diplomazia: è fondamentale che tutti ci impegniamo attivamente su questo problema e che ci sia una proficua collaborazione a livello globale per garantire sicurezza e pace per tutti.

Argomenti trattati: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *