Marche|

Scuola, per le Marche in arrivo 1.5 milioni di euro

Sedici istituti maceratesi potranno beneficiare di risorse per laboratori di sostenibilità. Così vogliamo educare i bambini ad amare e rispettare l’ambiente.

Il Ministero dell’Istruzione, nell’ambito delle azioni del Piano RiGenerazione scuola, ha pubblicato le graduatorie dei 3.500 progetti finanziati con oltre 155 milioni di fondi PON-REACT EU che renderanno gli istituti italiani più innovativi e sostenibili.

L’avviso riguarda il finanziamento dell’azione Edugreen: laboratori di sostenibilità per il primo ciclo e prevede l’allestimento di giardini e orti didattici, innovativi e sostenibili, all’interno di uno o più plessi delle istituzioni scolastiche del primo ciclo. Secondo questa misura, ogni scuola riceverà 25.000 euro.

Le scuole della provincia di Macerata che beneficeranno di queste risorse sono 16, dalla costa alla montagna: la Enrico Medi di Porto Recanati, De Magistris di Caldarola, Giacomo Leopardi di Macerata, Ugo Betti di Camerino, Vincenzo Tortoreto di San Ginesio, Nicola Badaloni e Beniamino Gigli di Recanati, Enrico Mattei di Matelica, la scuola Via Ugo Bassi di Civitanova, il Tacchi Venturi di San Severino e l’Egisto Paladini di Treia. E ancora, figurano nel bando l’istituto Strampelli di Castelraimondo, la Giacomo Leopardi di Sarnano, l’istituto Sant’Agostino di Civitanova, la Monsignor Paoletti di Pieve Torina e l’istituto Via Tacito di Civitanova”. Per la provincia di Fermo sono in arrivo invece 125.000 euro per 5 Istituti: l’IC Da Vinci – Ungaretti e l’ISC Betti di Fermo, l’ISC Falerone, l’ISC Montegranaro e l’ISC Fracassetti Capodarco di Fermo.


Con le politiche ambientali e di transizione energetica vogliamo apportare un significativo cambiamento culturale. Ma ciò non può avvenire se non agiamo dal punto di vista educativo. Sono i bambini, infatti, il futuro del nostro Paese ed è per questo che tali risorse sono importanti. Vogliamo che la scuola sia più inclusiva e sostenibile perché solo così avremo dei cittadini più consapevoli e attenti all’ambiente.

Argomenti trattati: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *